A caccia di sirene. Ischia, la lunga seduzione del mare

State tracciando il vostro viaggio per mari e terre? Inserite l’isola d’Ischia tra le vostre tappe sarà una perfetta base d'appoggio per la vostra crociera Mediterranea

A caccia di sirene. Ischia, la lunga seduzione del mare

Con i suoi numerosi e bellissimi approdi in grado di ospitare dai mega yacht alle barche a vela, la più grande delle isole dell’arcipelago rappresenta davvero la punta di diamante del Golfo di Napoli per una vacanza in barca. I caratteristici porti di Ischia, Casamicciola, Lacco Ameno e Sant’Angelo sono attrezzati per dare il massimo comfort a chi vi soggiorna. E l’isola vissuta dal mare è tanto bella che andare via sarà davvero difficile. Varietà assoluta, questa è la caratteristica principale delle sue coste: dolci spiagge e strapiombi selvaggi abitati solo da gabbiani e cactacee, sole a picco e calette ombreggiate, grotte affioranti, grotte sommerse. Anche il mare ha mille colori: verde smeraldo quando ricopre i “capelli” della posidonia lo agitano, argento quando nasconde gli scogli abitati da spigole e saraghi, blu scuro, blu abissale quando sono più di cento i metri di acqua da percorrere prima di toccare il fondale.

La costa meridionale è alta e selvaggia, fatta di rocce nere inaccessibili e a picco sul mare; la costa nord è bassa e abitata. In fila verso ovest Ischia, Casamicciola e Lacco Ameno. Da Lacco Ameno in poi una cesura di roccia: la punta di Zaro e poi nuovamente spiagge e una cittadina sul mare: Forio. Ed i fondali rispecchiano la morfologia esterna: sono molto bassi e pianeggianti nel settore settentrionale ed incredibilmente verticali e profondi nel settore meridionale.

A Punta Sant'Angelo, a neppure venti metri di distanza dalla costa, si trovano già più di cento metri di profondità. Un giro dell’isola virtuale Partiamo dal Porto di Ischia, un bacino circolare, con un' apertura di soli trenta metri di larghezza. L'attuale porto in realtà era un lago vulcanico, nel quale è stato artificialmente tagliato un passaggio nel 1825. Un ridosso sicurissimo, dunque, ma un ingresso molto stretto.

Dopo aver doppiato Punta San Pietro, dirigiamoci verso est, costeggiando tutta una serie di arenili protetti da allineamenti di massi frangiflutti, fino ad arrivare al Castello Aragonese, arroccato su un'isola rocciosa unita ad Ischia da uno stretto passaggio artificiale. Le rade, da una parte e dall'altra del castello, costituiscono ottimi punti di ormeggio e consentono di passare una tranquilla notte all'ancora. Il fondale è in entrambi i casi molto basso e buon tenitore.

Oltre il castello, la costa comincia ad alzarsi: di qui alla spiaggia dei Maronti non esistono accessi al mare o costruzioni visibili. Solo natura selvaggia, fatta di rocce vulcaniche e acque limpide e profonde. In questo tratto di costa è senz'altro da segnalare la celebre Grotta del Mago, che si inoltra per diverse decine di metri all'interno della montagna, costituendo un vero laboratorio naturale per gli studiosi e gli appassionati di macrofotografia e biologia marina, che troveranno al suo interno un vastissimo campionario di animali sciafili.

Oltre punta San Pancrazio, fino a Capo Grosso, si estende un ampio golfo esposto a Sud con fondali adattissimi all'ormeggio. Sulla punta i sub trovano uno dei luoghi di maggiore interesse subacqueo tra tutti quelli che offre l'isola. La parete prosegue sott'acqua con una frana di giganteschi massi e salti rocciosi ricchi di vita e colore. Ma è doppiando la punta Capo Grosso che scopriamo il promontorio di Sant'Angelo che si sporge verso il mare aperto dalla spiaggia dei Maronti. Il paesino, composto di poche case aggrappate alle rocce, si affaccia sul mare accecato dal sole.

Sant'Angelo ha il fascino semplice di un antico borgo marinaro, ma è anche uno dei centri più raffinati dell’isola; qui un bellissimo approdo proprio sotto il monte sant’Angelo può darci ospitalità per trascorrere qualche ora tra bar e boutique o per pernottare, ormeggiati al molo già attrezzato con cime in acqua e corpi morti. Sott'acqua la Punta di Sant'Angelo è ancora più bella che fuori, con una impressionante caduta di rocce verticali coperte da una fittissima foresta di gorgonie di ogni colore. La bellezza di questa parete è indescrivibile ed è accresciuta dal fascino di sapere che il fondo , la fine di questo spettacolo stupendo, è a profondità per noi irraggiungibili, di molto superiori ai cento metri. Già a partire dai cinquanta metri le rocce sono ricoperte di esili rami di corallo rosso. Salpiamo nuovamente e dirigendoci verso ovest troveremo il lato più selvaggio della costa Foriana: prima le calette di Cava Grado e Sorgeto: qui vale la pena gettare l’ancora e guadagnare la riva dove troverete delle pozze di acqua calda dove immergersi per un momento di puro termalismo! Di nuovo a bordo costeggiando pareti altissime e dorate giungiamo a scogli di tufo dalle forme bizzarre: c’è n’è uno detto il cammello, è il segnale che siamo giunti nella grandissima e spettacolare baia di Citara. Fare il bagno qui è veramente appagante: tra scogli e alghe, tra piccoli anfratti giungete a riva dove si trova uno dei più grandi parchi termali del mediterraneo: i Giardini Poseidon.

Navigate, navigate ancora, per nuovi lidi: la spiaggia che segue Citara è Cava dell’Isola, spiaggia libera, frequentata da giovanissimi, il mare è smeraldino ed è molto pescoso; poi gli immensi Scogli degli Innamorati e all’orizzonte si profilerà in tutto la sua bianca bellezza la Chiesa del Soccorso: siete a Forio. Un po’ saracena dopo tante incursioni di pirati, stretta tra vicoli a gomitolo e aperta sulla grande e verde parete dell’Epomeo: Forio merita una sosta. Avete nuovamente preso il largo e costeggiando la spiaggia di San Francesco, dietro un promontorio roccioso un paesaggio lunare: Zaro, una colata di lava solidificatasi che ha creato una piattaforma degradante verso il mare. Maschera pinne e un splash tuffatevi nel mare più popoloso dell’intera isola.

E’ ormai il tramonto, lasciatevi la rosa nel mare alle spalle e dirigetevi verso est ancora una baia ma dalla sabbia finissima: San Montano, poi piccole calette e il comune di Lacco Ameno. Scendiamo a visitarlo? Boutique, antiquari e sandali su misura nella patria adottiva di Rizzoli, e locande sul mare per piatti di pesce freschissimo. Casamicciola Terme è dietro l’angolo, ancora una tappa l’ultima: e qui si acquistano ceramiche dipinte a mano bellissime. E non a caso: sono soltanto 2000 anni che gli artigiani isolani hanno le mani in pasta! Mentre navighiamo per rientrate al porto di Ischia, gettiamo ancora uno sguardo alla dolce costa tra Casamicciola e Ischia, così ricca di sorgenti termali. Voilà il panciuto porto borbonico vi attende: sulla riva destra già si accendono le luci della notte ischitana.

end of float
end of float
end of float