Le magiche proprietà curative dell'aloe di Ischia

Fiori rossi accesi, colori splendenti, una pianta dall'elevata eleganza, spicca tra le piante mediterranee e le scure rocce vulcaniche di Ischia. L'aloe offre spunti botanici ed ecologici per la sua notevole capacità di svilupparsi e crescere anche nelle condizioni più sfavorevoli

Le magiche proprietà curative dell'aloe di Ischia

bibliografia

"Aloe ad Ischia" Giuseppe Sollino- Rassegna di Ischia

" È diffusa nei giardini, nelle aiuole, ai margini di boschi e pinete, ma anche sulle coste ripide e sulle spiagge litoranee. Nell'isola di Ischia non è infrequente osservarla in splendida fioritura anche nei mesi invernali. Pare che già nell’VIII secolo a. C. i coloni eubeì che fondarono l'antica colonia di Pithecusa, sull'isola di Ischia, usassero il succo dell'Aloe sia per preparare creme e oli per massaggi antidolorifici, sia per le capacità lassative e depurative della pianta.
Attualmente è una delle essenze più utilizzata per la composizione di giardini e aiuole esotiche insieme ad Agavi e Mesembriantemi.
A confermare le virtù terapeutiche tramandate dai secoli passati, molte persone preparano con il succo di Aloe, a cui viene eliminata la parte esterna, bevande notevolmente salutari e depurativeL'Aloe, dietro il suo aspetto umile e discreto, può definirsi un vero prodigio della natura.
Le sue virtù terapeutiche sono state sempre apprezzate. La parola aloe viene dal greco alòs “sale”, a causa del suo succo amaro che ricorda il sapore dell'acqua del mare.
L’Aloe barbadensis è certamente la più nota tra le quasi 400 specie. Appartiene alla famiglia delle Liliacee, oggi meglio definite Alocacee. Pianta dell’imnortalità, nell’antico Egitto era posta all'entrata delle piramidi e indicava ai Faraoni la strada verso la terra dei morti: utilizzata anche nella imbalsamazione del faraone Ramses II, era largamente diffusa sia in Mesopotamia che in Egitto per le sue virtù medicinali.
Nella Bibbia l'Aloe è spesso ricordata e nel Vangelo di Giovanni, capitolo 19, versetto 395, si legge che Nicodemo preparò il corpo di Gesù per la sepoltura, cospargendolo con una miscela di Mirra ed Aloe. Gli Assiri usavano l'Aloe per attenuare i dolori e le infiammazioni gastrointestinali. Sulle tavolette d'argilla del re Assurbanipal si legge che le foglie somigliano a foderi di coltelli.
Nella cultura Maya l’Humpeckin-ci (l’Aloe) si impiegava sia per il mal di testa che per imporre lo svezzamento ai bambini. Sia Dioscoride che Plinio il Vecchio (Historia Naturalis) descrivono gli usi terapeutici del succo di Aloe, impiegato per i disturbi dello stomaco, per curare le ferite, mal di testa, calvizie, punture di insetti, irritazioni alla pelle ecc. Famosa la frase di Cristoforo Colombo che nel suo viaggio verso il nuovo mondo segnò sul suo diario "Todo està bien, hay Aloe a bordo".
Le varie civiltà e popolazioni hanno spesso attribuito a questa pianta- che cresce in abbondanza sull'isola di Ischia - poteri magici ed esoterici.
Davanti alle case di nuova costruzione assicurava lunga vita e prosperità ai proprietari. Ancora oggi è frequente nei negozi e nei giardini egiziani. Si pensa che assorba gli influssi negativi dei visitatori o degli spiriti cattivi. In molti antichi rituali l'Aloe è considerata pianta di elevato potere energetico.

Da oltre 4000 anni questa pianta fa parte della medicina popolare, dopo un breve periodo di disuso, come altre essenze medicinali è di nuovo tornata nella farmacopea e nella cura di moltissime malattie. Nel 1851 Smith e Stenhouse isolarono l’Aloina, potente lassativo. Nel 1935 Creston Collins scoprì inaspettate capacità curative contro le devastanti esposizioni alle radiazioni. Bill Coats fu il primo a realizzare un procedimento atto a stabilizzare gli enzimi e le vitamine che si ossidavano facilmente, perdendo le capacità terapeutiche: utilizzò la vitamina C (acido ascorbico), vitamina E (tocoferolo) e sorbitolo aggiungendo il preparato al gel della pianta. L'origine dell'Aloe va ricercata in Africa da cui poi è stata distribuita in tutto il mondo. Il suo habitat tipico sono le aree desertiche e può raggiungere altezze variabili da pochi centimetri fino ai 20 metri, a seconda della specie.
Aloe barbadensis
L'Aloe vera descritta da Linneo così come l'Aloe barbadensis di Miller o l’Aloè vulgaris dì Lamarck sono la stessa pianta. Questa splendida pianta trova la sua origine nella costa settentrionale del Nord Africa, da cui si è poi diffusa alle isole Barbados e da qui nei Caraìbi e nelle Antille.
L'Aloe barbadensis può raggiungere un'altezza massima di 60-90 cm. Le sue foglie spinose hanno una lunghezza di 40-50 cm. con una larghezza alla base di 6-10cm. Queste foglie nella prima fase di sviluppo sono leggermente macolate, mentre alla maturità presentano un bel colore verde argenteo uniforme. Sono rivestite da una pellicola protettrice che permette alla pianta di filtrare l'aria e l’acqua.. Sotto questa membrana troviamo un primo strato cellulosico che racchiude cristalli di ossalato di calcio e le cellule pericicliche di Aloìna, l’essudato giallo-rosato con le note proprietà lassative. Racchiuso in questa triplice protezione vegetale troviamo il Parenchima, tessuto incolore costituito dal gel della pianta tanto ricercato.
Le caratteristiche e le qualità del gel dipendono moltissimo dal clima e dall'ambiente nel quale l’Aloe si sviluppa.
Aloe arborescens
Spesso confusa con l'Aloe mutabilis è oggi diffusissima in tutte le aree della terra. Il suo tronco può raggiungere i 2metri di altezza, mentre le foglie di colore variabile dal grigio chiaro al verde chiaro, raggiungono facilmente una lunghezza di 50-60 cm. Il paese di origine dell'Aloe arborescens è il Sud Africa, in particolare Città del Capo, dove cresce e si sviluppa con estrema facìlità. Fiorisce alla fine dell'inverno con fioriture brillanti dal giallorosato fino all'arancione e al rosso.
Effetti e principi attivi dell’aloe vera
Secondo studi scientificamente provati nella pianta dell'aloe vi sono oltre 160 sostanze che attivano e rafforzano le nostre naturali armi di difesa (autoguarigione). L'attivazione del sistema immunitario (l'effetto principale della pianta) si basa sul principio attivo dell’Acemannano che viene assorbito dall'intestino sotto torma dì zuccheri a catena lunga e depositato in tutte le membrane cellulari. Cresce così notevolmente la resistenza delle singole cellule a Virus e Batteri.
Altre sostanze depurano e rafforzano l’intestino, sostenendo la principale area immunitaria di transito del nostro organismo. Da sottolineare anche la presenza notevole di antiossidanti come le vitamine A, C ed E che vengono facilmente veicolate dalle componenti vegetali secondarie contenute nell'Aloe vera.
La notevole presenza di amminoacidi, ben undici di cui sette essenziali, indispensabili alla sintesi proteica, garantisce una maggior stabilità alle ossa ,una muscolatura più forte, una migliore circolazione dell'ossigeno nell'organismo e una più efficiente attività del sistema immunitario.
Da non trascurare la presenza di oligoelementi e sali minerali, che consentono un metabolismo equilibrato e una più attiva crescita di ossa e denti soprattutto il ferro, il calcio e il magnesio. Ricordiamo anche una buona concentrazione di potassio che riequilibra la pressione sanguigna e la concentrazione salina delle urine. Infine lo zinco rafforza il sistema immunitario e il manganese svolge una notevole attività depurativa.
Uso interno
II succo di Aloe vera allevia svariati disturbi ostacolando le cause predisponenti.I poteri depurativi e rinforzanti del sistema immunitario contribuiscono al rafforzamento dell'organismo e attivano il potere di autoguarigione.Inoltre la presenza di sali minerali e vitamine regola le diverse attività metaboliche.
In sintesi: Purifica l’intestino. È disintossicante e antiossidante. Riduce il livello di colesterolo nel sangue. Ipotensivo (dilata i vasi sanguigni). Antibatterico e antimicotico. Cicatrizzante e antidolorifico. Idrata la pelle e attenua il prurito. Antinfiammatorio
Naturalmente i prodotti a base di Aloe vera che contengono aloina vanno usati esclusivamente dietro consultazione con il medico per il loro elevato potere lassativo.
Uso esterno
I trattamenti base di Aloe vera sono particolarmente efficaci in caso di problemi dermatologici come la neurodermite, eczemi, eruzioni cutanee e psoriasi. La pelle riceve idratazione ed un apporto di importanti sostanze nutritive, viene accelerato il processo di guarigione delle ferite e stimolato il normale processo di crescita cellulare. Risulta efficace anche nel caso di punture di insetti, ustioni e infiammazioni. II gel di Aloe vera è indicato anche in caso di crampi muscolari e di traumi sportivi. L'azione idratante dell'Aloe vera è nota già dall'antichità e rende ancora oggi questa pianta un ricercato prodotto fitocosmetico, che rende la pelle morbida e levigata, con azione protettiva e rassodante che favorendo il naturale processo di idratazione rallenta l’invecchiamento precoce della pelle".

In vacanza ad Ischia cercate nei parchi dell'isola questa magica pianta, provatene i suoi principi formidabili. Basta spalmarne un po' sulla pelle per vedere con i vostri occhi il potere fantastico che racchiude. articolo " Aloe di Ischia" del botanico ischitano Giuseppe Sollino pubblicato sulle Rassegna di Ischia

end of float

Storia e Scienze

end of float
end of float