La seduzione degli abissi tra coralli, città sommerse e posidonia

Le bellezze di Ischia non si esauriscono in superficie, Ischia sommersa è forse ancora più bella: tra reperti archeologici – come l’intera città romana di Aenaria nella baia di Cartaromana – al corallo di Sant'Angelo, alle praterie di Posidionia, ai mille ed uno abitanti del mare: nessuno manca all’appello neanche le sirene!

La seduzione degli abissi tra coralli, città sommerse e posidonia

Ed adesso che intorno all’isola sarà istituita un’area marina protetta, il Parco di Nettuno, gli appassionati di snorkeling e di immersioni avranno ancora più occasioni di meraviglia: le affascinanti grotte delle Formiche, tra mille colori ed incredibili giochi di luce, la "Punta Pizzaco", un promontorio orientale della vicina isola di Procida, grotte sommerse, e fondali di varia natura. Un consiglio: non dimenticate di portate una macchina fotografica o una cinepresa subacquea per catturare immagini di inconsueta bellezza. Qualche accenno scientifico: L'Isola è geologicamente connessa alla Costa Flegrea da una vasta piattaforma sommersa che si estende per numerosi chilometri quadrati in gran parte ancora inesplorati, le cui quote, a portata di subacqueo, variano dai - 4mt ed i -50 mt.. La natura frastagliata dei fondali rocciosi che caratterizzano il versante occidentale, favoriscono la presenza di fauna e flora sottomarina. Gli agglomerati vulcanici presenti sui degradanti fondali di Ponente sono intervallati da vaste distese sottomarine di fanerogame tra cui fitte foreste sommerse di Posidonia oceanica e soffici praterie di Cymodocea nodosa, che forniscono riparo naturale alle più svariate e spesso rare forme di vita bentonica e stanziale. Le falesie, che invece caratterizzano le coste di Levante, strapiombano su fondali abissali, favorendo la presenza di pesce pelagico e di organismi coloniali, alimentati dalle correnti di varia provenienza che lambiscono l'Isola. Morfologia dei fondali I fondali ischitani si dividono in due tipologie: bassi e pianeggianti, benché quasi sempre rocciosi, i fondali del versante settentrionale; verticali e profondissimi quelli del lato meridionale, che si affacciano sull’abisso del Golfo di Napoli. Di questi l’estrema propaggine, il contrafforte più avanzato, è il promontorio di Sant’Angelo, che sale verticalmente da quote che superano i cento metri. Resteremo affascinati dalle cascate di gorgonie rosse e gialle che si aggrappano ad ogni centimetro quadrato di rocce, colpiti dai mille colori che ricoprono gli anfratti più bui, estasiati dal candore dei polipi di corallo aperti alle profondità più elevate. Di certo immersioni come quelle che offrono le pendici sommerse di Punta Sant’Angelo e Punta San Pancrazio, sono magiche. Il mare di Ischia ha delle caratteristiche tali che può accontentare sia gli apneisti, sia i neo-sub senza una grande esperienza, sia i sommozzatori esperti ed esigenti.

end of float
end of float
end of float