Da Ischia ponte a Cartaromana a piedi

Un percorso molto seducente per chi si trova ad Ischia è l’itinerario che porta alla spiaggia di Cartaromana, con le sue polle di acqua calda termale con vista sul castello Aragonese. Il cammino si snoda attraverso strade molto panoramiche, aranceti e giardini di rose, nella zona più ad est del comune di Ischia

Da Ischia ponte a Cartaromana a piedi

Partiamo per la nostra passeggiata da via Seminario, la strada dove comincia Ischia ponte. Percorriamo tutto il borgo antico attenti a non farci sfuggire la bellezza architettonica dei palazzi e delle corti settecentesche.
Qui ad Ischia ponte i giardini sono misteriosi, non affacciano sulla strada ma sono nascosti dietro pesanti portoni di castagno.
Secondo un gusto orientale i giardini di Ischia ponte sono orti conclusi, spazi di verde privatissimi, dove i nobili dell’epoca amavano ritirarsi lontani dagli occhi indiscreti della massa.
E gli alberi secolari di magnolia e camelia creano ombre fittissime e inondano di intenso aroma muschiato i cortili e le stanze.
Giunti alla chiesa dello Spirito Santo, la prima chiesa che troverete sulla destra lungo il vostro cammino, imboccate la scalinata semi-nascosta che comincia dove la parete della chiesa termina. Si tratta di via Soronzano una strada pedonale antichissima, che porta nella zona di Cartaromana.
Camminando per via Soronzano sarete ammaliati dalla ampiezza del panorama, da qui la vista spazia dalle spiagge del lido, all’abitato di Ischia ponte, al castello aragonese.
Ma sarete anche colpiti dal profumo intenso di terra: qui ancora oggi vengono coltivati aranceti superbi, dietro le alte mura a secco.
Terminata via Soronzano vi troverete su via Cartaromana.
A questo punto dovete imboccare la destra e prendere la strada in salita, Via Gianbattista Vico, che vi porterà verso San Michele un’antica frazione campestre di Ischia.
A metà salita – che è abbastanza ripida – troverete una ampia strada laterale, via Cilento. Prendetela e percorretela tutta, presto vi troverete nei pressi del cimitero comunale.
La zona di chiama San Domenico dalla chiesa che si trova qui.
Oltrepassate la porta centrale del cimitero e continuate a camminare lungo la stradina in discesa.
Dopo qualche metro giungerete davanti ad un panorama marino incantevole, la stradina continua in discesa, tra antiche case e giardini.
Quando avrete percorso tutto il tratto asfaltato giungerete ad una bella stradina pedonale che taglia i campi in fiore. Larghi scaloni di pietra lavica lastricano il percorso.
Alla fine troverete la spiaggia di Cartaromana.
E’ una spiaggia piccola ma molto bella, se amate crogiolarvi al sole, non è per voi, qui il sole anche in piena estate tramonta presto.
Ma se siete appassionati di terme è il luogo ideale per prendere i benefici di bagni termali gratuiti.
Sotto la parete di destra infatti ci sono delle vasche naturali di acqua calda sorgiva dove in certe giornate di correnti favorevoli si formano delle piscine caldissime.
L’acqua di Cartaromana è molto salubre ed è ricca di minerali.
Mentre siete a mollo potete fare delle maschere di fango, strofinando tra loro due pietre ricaverete piccole dosi di fango termale che applicato sulla pelle ha un forte potere restringete.
Uno spazio relax and beauty termale ad Ischia completamente gratuito con una vista magnifica con gli scogli di sant’Anna ed il castello Aragonese.
Da Cartaromana in estate i gozzi di legno effettuano taxi boat con Ischia ponte, potete scegliere dunque di tornare a casa in barca o anche approfittare per esplorare maschera e pinne i fondali di Cartaromana, magari trovate l’antica città sommersa di Aenaria!

end of float
end of float
end of float