Bergsöe a Casamicciola e le sue escursioni con Ibsen

Queste storie diedero al Bergsøe lo spunto per due novelle, pubblicate nel 1874 nelle raccolte Novelle Italiane e Storie di Spiriti.

Nella Pietra Cantante si riferisce allo spuntone di lava che si trova sotto le falde del monte Rotaro Nella Valle del Tamburo a Casamicciola Bergsöe, una volta, propose ad Ibsen di fare una visita alla Valle del Tamburo, citata come “Conca delle armi tintinnanti”.

La valle – racconta Bergsöe – si presenta inizialmente assai ampia, percorsa da un piccolo torrente di acqua tiepida.

L’aria è limpida e pulita. Ma, a mano a mano che si procede, caldi vapori trasudano dai fianchi della valle e zampillano inoltre di tanto in tanto fiotti di acqua bollente. Questa grande massa di umidità dà origine a una fitta vegetazione, che offre al visitatore uno spettacolo meraviglioso, in particolare quando il sole al tramonto avvolge nella sua luce dorata le piante dalle forme singolari e le foglie imperlate di rugiada.

Fronde di muschio verde, scintillanti come metallo, e vibranti capelvenere avanzano tra le felci, mentre in alto brilla un bosco di rose in fiore e di rovi lussureggianti, che si intrecciano con l’edera e con altre piante rampicanti. Qua e là si staglia qualche agave.

Tutt’intorno si ode il tintinnio delle sorgenti che portano le loro acque nel piccolo torrente. Inoltrandosi nella valle, ci si imbatte tuttavia in tutt’altra natura: vegetazione più rada, più angusto il sentiero; la luce si dilegua; pipistrelli volteggiano nell’aria sempre più cupa.

Poi la valle diventa così stretta che occorre camminare sulle pietre emergenti dalle acque calde. Non potendone più, Ibsen esplode:

- Ma dove mi stai portando? Vuoi forse imprigionarmi in questa montagna? Non faccio un passo di più. La valle potrebbe chiudersi sopra di noi.

Quando Bergsöe gli fa notare che una cosa del genere è impossibile, Ibsen replica:

- Ma potrebbe cadere un masso dall’alto e schiacciarci. Voglio uscire di qui, voglio tornare a casa! Detto fatto, senza ascoltare più nulla, riprende velocemente e da solo la via del ritorno, mormorando tra sé che non avrebbe più accettato di fare escursioni insieme con l’amico Bergsöe.

Leggi anche:

  • Ibsen e Bergsoe alla scoperta dell’isola di Ischia

    Un altro “scandinavo” era sull’isola di Ischia ai tempi in cui giunse Ibsen: era Bergsoe, danese, grande amante della natura e escursionista accanito. Bergsoe molto più dinamico di Ibsen ogni tanto gli proponeva di acc..

  • Il poeta Neruda a Sant’Angelo

    Due amanti, gli anni 50, un’isola di sogno, una storia a tinte forti tra esilio, passione e contemplazione della natura. E se poi, come accade, uno dei due è un poeta il viaggio ad Ischia diventa fonte di innumerevoli is..

  • Un santo ischitano: San Giovan Giuseppe della Croce

    Carlo Gaetano Calosirto nacque sull'isola di Ischia da una famiglia nobile e ricca, ma scelse la povertà. Camminò scalzo tutta la vita e ebbe un solo saio, che rappezzava continuamente, così diventò il santo delle "cent..

  • Eduardo Ciannelli, da Lacco Ameno a Hollywood

    Faccia da duro, aspetto hard boiled, Eduardo Ciannelli nasce a Ischia alla fine dell'800 e scala il successo approdando a Hollywood negli anni 30. Sono gli anni ruggenti, delle gangstar story. Ad Eduardo l'industria cine..