Eduardo Ciannelli, da Lacco Ameno a Hollywood

Faccia da duro, aspetto hard boiled, Eduardo Ciannelli nasce a Ischia alla fine dell'800 e scala il successo approdando a Hollywood negli anni 30. Sono gli anni ruggenti, delle gangstar story. Ad Eduardo l'industria cinematografica americana cuce addosso il ruolo del cattivo, spietato e fuorilegge.

Eduardo Ciannelli nacque il 30 agosto 1888 a Lacco Ameno, sull’isola di Ischia.

Suo padre un dottore napoletano era il proprietario delle Terme Santa Restituta ( che poi diventarono le Terme dell’albergo Regina Isabella ). Dopo aver studiato medicina all’università di Napoli e aver lavorato per breve tempo come dottore, Eduardo scelse di fare ciò che gli piaceva di più: lo spettacolo. Amava l’opera e il teatro, e presto grazie alle sue doti canore divenne un baritono di successo, tanto che cantò spesso a La Scala di Milano e in altri grandi teatri europei.

Alla ricerca del successo, finita la I Guerra Mondiale, Ciannelli si trasferì in America Qui conosce Alma Wolfe e si sposa, il matrimonio si rivelerà felice e durerà tutta la vita. Negli Stati Uniti Eduardo comincia a lavorare per il teatro: prende parte a Broadway nel primo musical di Oscar Hammerstein II "Always You" e dopo in Rose-Marie.

Negli anni ’30 comincia la sua carriera cinematografica.

Hollywood lo sceglie spesso per ruoli da cattivo, grazie ad un fisique du role perfetto per le parti da gangstar e anche per la straordinaria somiglianza con il mafioso Lucky Luciano. Eduardo Ciannelli fu spesso nella finzione cinematografica uno spietato assassino, mentre nella vita tutti lo ricordano come un uomo dal carattere molto mite e gentile, molto solare e allegro, doti che riusciva a esprimere soprattutto a teatro in ruoli brillanti e divertenti.

Tra i lavori cinematografici più importanti ricordiamo Marked Woman (1937) con Bette Davis, Strange Cargo (1940) con Joan Crawford e Clark Gable, e forse il suo ruolo più famoso quello del guru fanatico nel film Gunga Din (1939) con Cary Grant. Lavora anche ne Il prigioniero di Amsterdam (1940) di Alfred Hitchcock, Vulcano (1950) di William Dieterle (1950), Negli anni 50 e 60, divise il suo tempo tra film italiani come Attila (1954) con Anthony Quinn e Sophia Loren, Elena di Troia (1956) I vinti (1952) di Michelangelo Antonioni, Processo alla città (1952) di Luigi Zampa.e numerose apparizioni negli show della televisione americana come Climax Mystery Theater, Perry Mason, Alfred Hitchcock Presents, Johnny Staccato, The Detectives, Dr. Kildare e alcuni film tra cui Houseboat (1958), The Visit (1964), The Chase (1966) con Marlon Brando, e The Secret of Santa Vittoria (1969), con Anthony Quinn e Anna Magnani, che fu il suo ultimo film. Morì a Roma nel 1968, la sua tomba si trova al cimitero Flaminio.

A Lacco Ameno, in una strada laterale al corso principale, la casa dove nacque Eduardo è ancora di proprietà della famiglia Ciannelli. Nel 2012 l’amministrazione comunale di Lacco Ameno appose una targa ricordo sulla facciata dell’edificio, in modo da conservare e tramandare la memoria di questo grande attore nato sull’isola di Ischia.

Leggi anche:

  • Anton Dhorn ad Ischia: una vita tra scienza ed arte

    Chi giungendo ad Ischia non viene colpito dalla villa colore pompeiano, metà nascosta dagli alberi, sulla collina di san Pietro? Con la sua atmosfera misteriosa, anche adesso che è diventata un laboratorio del Benthos, n..

  • Il poeta Neruda a Sant’Angelo

    Due amanti, gli anni 50, un’isola di sogno, una storia a tinte forti tra esilio, passione e contemplazione della natura. E se poi, come accade, uno dei due è un poeta il viaggio ad Ischia diventa fonte di innumerevoli is..

  • Passione sul set: Liz Taylor e Richard Burton ad Ischia

    Quando arrivò ad Ischia, la diva dagli occhi viola, camuffata in pantaloni capresi, scarpe basse e grandi occhiali da sole, fu preceduta dalla sua mirabolante fama di star, ma anche da un fascino da incantatrice, da sedu..

  • Un santo ischitano: San Giovan Giuseppe della Croce

    Carlo Gaetano Calosirto nacque sull'isola di Ischia da una famiglia nobile e ricca, ma scelse la povertà. Camminò scalzo tutta la vita e ebbe un solo saio, che rappezzava continuamente, così diventò il santo delle "cent..