La chiesetta di Sant’Anna a Cartaromana

Nascosta per chi si trova a terra, ma ben visibile dal mare una chiesa in miniatura a Cartaromana vi sorprenderà con la sua piccola statura, da casa di bambole e per la sua grazia leggera. La pace del luogo, l’odore misto di mare e campagna, aggiungono intimità a questo tempietto che fa pensare ad un culto lontano dalla folla, in continuo dialogo con la natura. Sant’Anna a Cartaromana è la chiesa delle donne

Donne con i loro figli che pregano davanti a un tabernacolo, sullo sfondo il Vesuvio. Incisione del XIX secolo. Fonte: Wellcome Collection

Questo morso di spazio consacrato venne costruito nella prima metà del secolo XVI, e dedicato a Sant’Anna, madre di Maria e protettrice delle madri e delle partorienti, delle vedove e delle ricamatrici.

Le donne ischitane vi si recavano in pellegrinaggio a pregare in solitudine chiedevano il dono di un bambino, quando non i figli non giungevano naturalmente, chiedevano alla santa che il parto andasse bene in quel tempo in cui partorire non era privo di rischi, chiedevano di porre riparo alle tentazioni della carne quando il marito era morto e loro erano rimaste vedove troppo giovani e belle, in un epoca di costumi severi.

Andavano da sole, in silenzio scendendo a piedi dalla strada di Cartaromana, costeggiando la torre di Guevara, durante tutto l’anno ad eccezione del 26 luglio, giorno dell’onomastico della santa, quando il pellegrinaggio era collettivo ed avveniva via mare.

Da Ischia ponte tante barchette con festoni colorati partivano nel pomeriggio portavano gruppi di fedeli ma anche tante cose buone da mangiare dopo la messa per far festa alla santa protettrice. Si mangiavano pane, melanzane, conigli, cocomeri e vino locale, e sul sagrato affacciato sul mare si ballava fino a notte.

La tradizione è giunta fino a noi, anche oggi il pomeriggio del 26 luglio avviene la processione via mare verso la bianca chiesetta, mentre la festa diventando sempre più importante e maestosa nel corso dei secoli ora avviene nel mare di Ischia Ponte.

Leggi anche:

  • La chiesa di San Nicola sul monte Epomeo

    La montagna simbolo del sacro, la vetta come luogo sublimato di elevazione spirituale, l’ascesi vissuta lontano dal mondo. Anche la faccia mistica dell’isola di Ischia la troverete in cima. La raggiungerete scalando l’Ep..

  • Una chiesa di pietra: Santa Maria al Monte a Forio

    Bellezza rustica, bellezza contadina per la Chiesa di Santa Maria al Monte a Forio. Tempio di pietra, scavato nel tufo, che aspetta col suo ampio sagrato ed una antica fontana collegata ad un pozzo chi sale sulla montagn..

  • Le chiese del comune di Barano

    Se il maggiore fascino delle chiese dell’isola è nell’essere luoghi di culto in cui si respira una religiosità pacata e intimista, le chiese di Barano, il grande comune a sud dell’isola che estende il suo territorio dal ..

  • La cattedrale dell’Assunta di Ischia ponte

    Le onde architettoniche mai spinte del barocco napoletano, le onde di acqua di mare che un tempo le lambivano la schiena, le onde di luce che ne scolpiscono l’interno, l’onda verticale del suo campanile. Onde di pietra, ..

  • La Chiesa di San Domenico a Cartaromana

    Arrivati nella zona di Cartaromana e superato il cimitero si incontra la chiesa di San Domenico, che servì in passato l'omonimo convento di Padri predicatori, fondato nel Trecento e soppresso nel 1653. Nata come chiesa r..