Le prelibatezze del mare di Ischia: i “cicinielli”

Se ad Ischia ti dicono “sei un ciciniello” significa che non sei sicuramente una montagna di carne! Perché il ciciniello è la parola dialettale per significare il novellame del pesce azzurro del Mar Mediterraneo - sardine e acciughe che viene pescato con reti speciali. Il bianchetto come viene chiamato in toscano è dunque un pesciolino minuscolo, ma allora come si prepara?

Dalla tradizione, due ricette: in “cassuola”, cicinielli scottati nell'acqua salata, con aceto e servito caldo con crostini; oppure fritto infarinato o pizzette di pastella.

E poi li troviamo sulla classica pizza: i cicinielli sono uno degli ingredienti che per primi creano una varietà in questa antica pietanza napoletana. Già nella prima metà dell’Ottocento esisteva la pizza ai cicinielli.

Nel vostro viaggio per sapori sull’isola di Ischia inserite questo antichissimo piatto della tradizione marinaresca ischitana, piatto povero, tanto tempo fa! Adesso appena è tempo di novellame ad attendere la paranza sul porto sono in tanti, perché è diventato un prodotto difficile da reperire.

Una sofisticata prelibatezza dunque che potrete gustare nei ristoranti slow food dell’isola di Ischia, accompagnato da un buon bicchiere di vino locale.

Leggi anche:

  • Natale in tavola ad Ischia, il sapore della tradizione

    La tavola natalizia ischitana segue molto da vicino la tradizione napoletana che ha un menu ben preciso sia per la vigilia che per il pranzo di Natale. Una tavola che unisce pesce e terra, quella della vigilia con pietan..

  • Autunno tempo di raccolta: i funghi dei boschi ischitani

    Viene l’autunno e l’isola di accende di misteriosi toni dorati. Un continuo bagliore di bronzo - come antiche armi guerresche - ora nei boschi. Sono gli alberi che rosseggiano, le piante che luccicano al sole più tiepido..

  • A qualcuno lo gnocco piace duro: gli

    In quel tempo lontano, quando i supermercati non esistevano, si produceva un po’ tutto sotto casa: l’orto dava la frutta e la verdura, il cortile la carne e le uova, e la farina ed il mattarello creavano le forme più div..

  • Il piatto di Sant’Anna: la parmigiana di melanzane

    Estate, estate piena. È la fine di luglio, è la festa di Sant’Anna. Se avessimo una macchina del tempo per andare a ritroso di centinaia di anni fa, potremmo vedere sul ponticello di Ischia ponte un gruppo di donne che s..