Artisti ad Ischia: i pittori della Scuola di Posillipo

Ischia, isola del paesaggio per eccellenza, non poteva non essere una delle mete predilette di quei pittori che nell’ottocento giravano per le campagne e le spiagge campane in cerca di angoli suggestivi da cogliere con il tocco leggero e arioso di un nuovissimo linguaggio pittorico: il naturalismo lirico della Scuola di Posillipo

Scuola di Posillipo, autore sconosciuto: “Chiesa del Soccorso ad Ischia”

Erano tutti accomunati dall’interesse per la pittura en plein air, questi pittori un po’ bohemien che trascorrevano la maggior parte del loro tempo immersi nella natura per coglierne istante dopo istante la luce, i colori, e le mutevoli forme di alberi, mare, vedute sublimi.

Sono i primi decenni dell’ottocento ed anche a Napoli giunge, grazie ad alcuni pittori stranieri, un nuovo modo di “far pittura” che subito coinvolge gli artisti locali più aperti alle novità d’oltralpe. Napoli per la verità ha già nella koinè figurativa una grande tradizione di realismo e naturalismo.

Ed a Napoli erano già passati Turner, Contable, Bonington, Corot i massimi esponenti del paesaggismo inglese e francese, quando vi giunge, nel 1825 Smink van Pitloo. Il terreno era dunque fertile abbastanza per una pittura dal vero e nasce la Scuola di Posillipo.

«L’appellativo di Scuola di Posillipo – scriveva Raffaello Causa – per un gruppo di pittori che dipingevano le bellezze del paesaggio campano, spiagge incantate e ruderi carichi di suggestione, isole di leggenda e Vesuvio fiammeggiante, ma anche case e strade, e mare e campagne e scene di vita popolare - lo coniarono i pittori della corrente accademica, i pittori cesarei, favoriti della corte borbonica, intenti a produrre i loro smisurati quadroni di storia e mitologia, con sereno disinteresse per le ragioni della pittura o della sensibilità».

Tele, colori e pennelli sotto il braccio, i maggiori esponenti della scuola di Posillipo, affrontavano lunghi viaggi in mare, a volte su barchette di fortuna pur di venire ad Ischia a caccia di ispirazioni “paniche” e angoli incontaminati. E le opere che ci hanno lasciato fissano per sempre angoli fioriti, pinete, marine e scorci panoramici di un isola davvero incantata.

Leggi anche:

  • Ischia “letteraria”: da Boccaccio a Auden

    Ischia è una isola assai vicina di Napoli, nella quale fu già tra l’altre una giovinetta bella e lieta molto, il cui nome fu Restituta, e figliuola d’un gentil uom dell’isola, che Marin Bòlgaro avea nome, la quale un gio..

  • Ischia nel mito e nella leggenda

    Chi furono i primi abitatori di quest'isola nata nella culla del fuoco e del mare? Forse, gli stessi indigeni della Campania, gli Opici od Osci, dei quali ben poco dicono i dotti, perché poco si sa con certezza delle ori..

  • La vita ad Ischia nell'800. Memorie di Kaden Woldemar

    “Ed ecco che emerge, solenne e possente dalle onde blu del mar Tirreno - noi la salutiamo pervasi dalla gioia ed emozionati - la fiera Ischia!Diventa sempre più alta…” Da Kaden Woldemar: “L’Isola d’Ischia nei suoi aspett..

  • Le marine di Salvatore Fergola

    Nel suo andare per spiagge e marine dove poter dipingere mari calmi o tempestestosi, acque limpide e rese rosa da albe e tramonti, Salvatore Fergola non poteva non fermarsi ad Ischia. La nota fiabesca del Castello nel ma..

  • Il confino dorato di Curzio Malaparte ad Ischia

    Ischia «isola, di una bellezza selvaggia, quasi primitiva, dove trionfano in un intreccio sapientemente modellato viti cariche di uve e limoni profumatissimi». Parole dedicate all’isola di Ischia da un italianissimo dand..