Il poeta Neruda a Sant’Angelo

Due amanti, gli anni 50, un’isola di sogno, una storia a tinte forti tra esilio, passione e contemplazione della natura. E se poi, come accade, uno dei due è un poeta il viaggio ad Ischia diventa fonte di innumerevoli ispirazioni.E’ la storia di Pablo Neruda e della sua amata Matilde che vivono a Sant’Angelo giorni felici tra mare e sole, dimenticando il desiderio del ritorno che fa male, la nostalgia di casa

Nelle sue memorie Matilde ricorda “A Sant’Angelo il nostro modesto alberghetto era come incuneato in un monticello roccioso, sulla riva del mare. Il giorno stesso in cui siamo arrivati abbiamo cominciato a conoscere la vita dei pescatori (…). A Sant’Angelo ci sono alcune spiag- gette e l’acqua è molto bassa. Lì ho scoperto che Pablo non sapeva nuo- tare, una scoperta che mi ha rallegrato, finalmente potevo insegnargli io qualcosa! Il pomeriggio ci recavamo su una spiaggia che sembra una laguna, vicino a delle sorgenti termali. È stato lì che ha imparato a nuotare…

I due amanti si sistemano nella pensione Sant’Angelo, in riva al mare passano giorni sereni, felici, vivono un’esistenza semplice, fatta di piccoli eventi quotidiani: osservano i pescatori quando al tramonto prendono il largo; all’alba vedono passare le donne con le ceste per il pesce che aspettano l’arrivo delle barche. Sulla spiaggia di Sant’Angelo Matilde scopre che Pablo, l’epico cantore degli oceani, non sa nuo- tare e gli dà lezioni di nuoto nell’acqua bassa delle calette.

E il poeta, pigro e di corporatura robusta, spesso l’imbrogliava, faceva fin- ta di nuotare appoggiando un piede sul fondo. Affabili e gentili, dopo poco tempo Pablo e Matilde conoscevano già tutti gli abitanti di Sant’Angelo.

Pablo s’incontrava spesso col pittore tedesco Werner Gilles: amante della buona tavola, cenava volentieri con l’amico pittore su una terrazza che sporge verso il mare. A Ischia Neruda conosce lo scultore Anielloantonio Mascolo che comincia ad abbozzare in creta la testa di Matilde. L’opera non era ancora finita quando gli amici cileni fanno sapere a Pablo che finalmente poteva ritornare in patria senza pericolo.

Prima di imbarcarsi per l’America, il poeta scrive una lettera a Mascolo pregandolo di finire il bozzetto e raccomandandogli di dare particolare risalto ai capelli rossi, folti e ondulati di Matilde che gli amici italiani avevano soprannominato Medusa proprio per la sua capigliatura ribelle. La scultura però è andata distrut- ta. Nella pace che regnava fra le modeste case dei pescatori di Sant’Angelo, Neruda aveva continuato a scrivere versi.

Un significativo componimento, L’uomo invisibile, una sorta di autoritratto poetico con la notazione autografa: Sant’Angelo, 24 giugno 1952, attesta che anche a Ischia non si attenua l’ispirazione che a Capri gli ha fatto completare i Versi del Capitano e un altro libro, L’uva e il vento, in cui molte liriche sono dedicate all’Italia e agli italiani, «il prodotto più fine della terra».

Leggi anche:

  • Passione sul set: Liz Taylor e Richard Burton ad Ischia

    Quando arrivò ad Ischia, la diva dagli occhi viola, camuffata in pantaloni capresi, scarpe basse e grandi occhiali da sole, fu preceduta dalla sua mirabolante fama di star, ma anche da un fascino da incantatrice, da sedu..

  • Eduardo Ciannelli, da Lacco Ameno a Hollywood

    Faccia da duro, aspetto hard boiled, Eduardo Ciannelli nasce a Ischia alla fine dell'800 e scala il successo approdando a Hollywood negli anni 30. Sono gli anni ruggenti, delle gangstar story. Ad Eduardo l'industria cine..

  • Anton Dhorn ad Ischia: una vita tra scienza ed arte

    Chi giungendo ad Ischia non viene colpito dalla villa colore pompeiano, metà nascosta dagli alberi, sulla collina di san Pietro? Con la sua atmosfera misteriosa, anche adesso che è diventata un laboratorio del Benthos, n..

  • Ibsen e Bergsöe in visita a Villa Bellevue

    Garibaldi nel suo soggiorno ad Ischia aveva alloggiato in un albergo di Casamicciola “Villa Bellevue”. Una sera a Bergsoe e Ibsen venne in mente di andare a vedere il famoso "albergo" dell'eroe dei due mondi..