Un'antica festa campestre ischitana. Il pic nic di Pasquetta

Una scampagnata che nasce, forse, per ricordare il cammino tra i campi dei discepoli di Cristo diretti ad Emmaus, la Pasquetta è anche per i laici un giorno da vivere “en plein air”, magari nell’erba alta delle colline ischitane o sulla vetta dell’Epomeo, o ancora tra i filari di vite, tra i primi ciclamini e fiori selvatici. Ma anche, per le anime più salmastre, in riva al mare, beandosi al sole delle spiagge ischitane. Dovunque siate ad Ischia potete festeggiare la Pasquetta a patto però che abbiate con voi il cestino delle pietanze!

Qualunque cosa vogliate metterci dentro, al vostro cestino del pic nic del Lunedì in Albis, è fondamentale che sia ben pieno di cibi salati e dolci e buon vino novello ischitano.

Se poi vi piace potete rispettare a pieno la tradizione dei contadini ischitani che da centinaia di anni in questo giorno organizzano scampagnate maestose all’ombra degli alberi, se la giornata è particolarmente calda, o nelle zone più soleggiate se spira una brezza fresca primaverile.

I contadini stendono sull’erba le tovaglie di grosso cotone profumate di sapone di Marsiglia, creando una grandissima tavola, in grado di ospitare la straordinaria abbondanza di cibi e di vini, a questo desco primaverile siederanno in tanti, grandi e piccini e fino al tramonto sarà una non stop di chiacchiere, risate ed allegria.

Ma cosa c’è su questa tavola campestre? Cibi freschi e colorati: insalate di verdura e pomodori, salumi, formaggi e soprattutto le uova che non possono mancare in un tradizionale pranzo di Pasquetta. Uova sode ma anche frittate di pasta, di patate dolci, con le punte di asparagi selvatici, o con formaggio e prosciutto.

Uova poi sono anche nel Tortano e nel Casatiello le due torte salate pasquali della tradizione ischitana.

In chiusura non può mancare il caffé tenuto al caldo nelle bottigliette di vetro o nel thermos e la Pastiera che addolcirà ancora di più gli animi e ci darà il giusto apporto calorico per fare una bella passeggiata tra i boschi fino a quando il sole non tramonterà.

Leggi anche:

  • La Pasqua ad Ischia per inaugurare la primavera

    Una manciata di giorni ci separano dai primi ponti primaverili, una manciata di settimane da giorni di relax, vissuti nella pienezza di una vacanza assoluta, tra mare, terme, sole e lunghe passeggiate nel verde. Ma anche..

  • La festa di Santa Restituta

    Le feste religiose sulle isole offrono spesso uno spettacolo toccante: la processione per le acque della statua del santo che si celebra. Questo accade anche a Lacco Ameno in occasione di una delle feste più grandiose de..

  • Ad Ischia hotel dove il Natale è vera festa

    Il profumo di legna per i vicoletti chiusi da case colorate, l’aroma di caladarroste che invade la piazzetta, la bellezza di questi paesi arroccati su colline o stesi sulla costa, di queste case tutte con un albero di Na..

  • La danza del lavoro “O’ Puntone”

    Costruire una casa un tempo ad Ischia, quando la tecnologia era inesistente, era veramente faticoso. Tutto era fatto quasi esclusivamente a mano senza nessun supporto meccanico. Ecco perché quando si giungeva alla fine d..