Le polpette all’ischitana

E quando giunge l’inverno la tavola ischitana si irrobustisce con carni alla griglia oppure preparate nei modi più fantasiosi secondo antichissime ricette locali che mescolano sapientemente gli ingredienti genuini della terra isolana. Tra i piatti a base di carne le tradizionali polpette, con uva passita e pinoli, fritte e poi cotte nella salsa, una delizia da far leccare i baffi

Le polpette all’ischitana scaldano le fredde giornate invernali.

Sono un piatto antico che le donne preparano in grandi quantità perché buona da mangiare anche dopo qualche giorno. È una originale mescolanza di pane, uova, carne che le rende un cibo robusto quasi da piatto unico, ma nella tradizione verace ischitana si mangiano nel “ cuoccio di pane cafone”: si elimina la mollica e si riempie con le saporitissime polpette.

Questa la ricetta delle polpette ischitane

Ingredienti per 6 persone:

  • 4 etti di manzo macinato,
  • 4 etti di maiale macinato,
  • 2 etti di mollica di pane casareccio
  • 2 bicchieri di latte intero,
  • 3 uova,
  • 1 etto di uvetta
  • 1 etto di pinoli
  • 2 spicchi d’aglio
  • prezzemolo
  • farina e pan grattato
  • sugo di pomodoro

Preparazione: impastata in una ciotola la carne macinata di manzo e maiale, la mollica bagnata e strizzata nel latte, le uova, l’uvetta ammollata, i pinoli, una manciata di pangrattatao, sale, il prezzemolo tritato ed il formaggio grattugiato.

Mescolate bene fino ad ottenere un impasto denso. Aggiungete pangrattato se è troppo morbido. Formate con l'impasto delle palle di circa 5 cm di diametro e friggetele per breve tempo nell'olio bollente, quindi mettetele

Leggi anche:

  • I vini profumati delle colline ischitane

    “Chi beve da questa Coppa, subito sarà preso dal desiderio di Afrodite dalla bella corona “ e cosa ci poteva mai essere in quella Coppa di Nestore da scatenare nell’uomo un tale desiderio d’amore, uno slancio totale di v..

  • A qualcuno lo gnocco piace duro: gli

    In quel tempo lontano, quando i supermercati non esistevano, si produceva un po’ tutto sotto casa: l’orto dava la frutta e la verdura, il cortile la carne e le uova, e la farina ed il mattarello creavano le forme più div..

  • Buccia scura e cuore tenero: la castagna di Ischia

    La tavola ischitana è fatta di cose semplici e segue, come tutte le cucine genuine, rigorosamente i tempi della natura. Una tavola per certi versi molto contadina che va a ritmo delle stagioni. La sua ricca campagna offr..

  • Le bottiglie di pomodoro: una tradizione ischitana

    Sapore, profumo, gusto e tradizione si mescolano in quello che può definirsi un vero e proprio rito che si svolge nelle case di Ischia in estate: la preparazione della conserva di pomodoro detta per metonimia “le bottigl..