Rossi ed arancio: fichi d’India, frutto mediterraneo

Già nell’ottocento i viaggiatori che dai paesi del Nord venivano sull’isola di Ischia erano colpiti e affascinati da strane piante grasse che spuntavano un po’ dovunque sulle rocce, sugli strapiombi scoscesi sul mare, tra le mura a secco in campagna. Ma non erano tanto sorpresi da queste spericolate piante spinose a forma di paletta, quanto dai loro frutti rossissimi che in estate accendevano le colline di bellezza sgargiante. Poi, quei viaggiatori del passato, un giorno scoprirono che quei frutti bizzarri erano anche buoni da mangiare. E da allora i fichi d’India dell’isola di Ischia sono entrati di prepotenza tra nei sogni gastronomici-mediterranei dei viaggiatori di tutto il mondo

Il fico d’India è la pianta simbolo del Mediterraneo. Chi dice sud pensa subito ai costoni di rocce sul mare con i fichi d’India arrampicati in posizioni impossibili, improbabili e difficili da raggiungere. Ad Ischia i fichi d’India spuntano nei posti più impensati, sulle spiagge, tra le viuzze campestri e persino sui fianchi precipitosi del Castello Aragonese.

Sono difficili da raccogliere – come tutte le prelibatezze – a volte irraggiungibili.

Ma ci sono anche piante alla portata di un mano esperta. Perché una volta individuati questi frutti non possono essere presi come un pomo qualunque. Sembrano dei panzarotti rubicondi ed innocui ed invece sono spinosissimi, tanto spinosi da aver bisogno di una mano esperta e di delicatezza estrema nella raccolta. Ma una volta raggiunto il frutto sarete ricompensati da una dolcezza mielata e da un gusto inconsueto, il gusto più verace del Mediterraneo.

Se venite ad Ischia in vacanza fatevi consigliare da qualche vecchio contadino sulle zone dove trovare “e’ palette e Fic d’India” come li chiamano qui e su come raccoglierli, ma anche su come sbucciarli. Perché è questa un’operazione altrettanto difficile, vista la situazione davvero spinosa!

Leggi anche:

  • Autunno tempo di raccolta: i funghi dei boschi ischitani

    Viene l’autunno e l’isola di accende di misteriosi toni dorati. Un continuo bagliore di bronzo - come antiche armi guerresche - ora nei boschi. Sono gli alberi che rosseggiano, le piante che luccicano al sole più tiepido..

  • A qualcuno lo gnocco piace duro: gli

    In quel tempo lontano, quando i supermercati non esistevano, si produceva un po’ tutto sotto casa: l’orto dava la frutta e la verdura, il cortile la carne e le uova, e la farina ed il mattarello creavano le forme più div..

  • I vini profumati delle colline ischitane

    “Chi beve da questa Coppa, subito sarà preso dal desiderio di Afrodite dalla bella corona “ e cosa ci poteva mai essere in quella Coppa di Nestore da scatenare nell’uomo un tale desiderio d’amore, uno slancio totale di v..

  • Pasticci d'autore: il sartù di riso

    Il sartù di riso è uno di quei piatti “impegnativi” della cucina ischitana, ed infatti si prepara nelle occasioni importanti o nei giorni di festa.Pur essendo un piatto molto diffuso in tutto il sud Italia, la ricetta tr..