Dal mare alla collina, dalla collina alla cima dell’Epomeo. Ad Ischia aromaterapia naturale

Da millenni l’uomo usa il potere delle essenze naturali per ritrovar l’armonia perduta e per rigenerare il corpo. La terapia utilizzando gli aromi – aromaterapia – può avvenire attraverso la pelle oppure respirando a pieni polmoni quello che la natura ci regala in fatto di fiori e piante aromatiche. Ad Ischia i sentieri naturali sono centinaia, ma il più inebriante è il passaggio dal mare alla montagna. Assolutamente da provare…

L’uso di trattare il corpo con oli aromatici risale almeno a duemila anni avanti Cristo.

Nella Bibbia si trovano citazioni circa l’uso di piante medicinali e di essenze, sia nella cura di malattie, sia a scopi religiosi. Gli antichi egizi ne facevano largo uso come cosmetici. In seguito il loro uso si diffuse tra i greci e tra i romani, i quali poi lo introdussero in Gran Bretagna.

Ad Ischia la maggior parte dei centri benessere e beauty utilizzano le essenze per scopi curativi ed estetici.

Ma ancora più facilmente sull’isola è possibile fare un trattamento aromaterapico semplicemente passeggiando per parchi e pinete. Sono sentieri creati dall’uomo – come quello della pineta Mirtina di Ischia – dove si intrecciano lavanda, salvia, mirto, camomille selvatiche, cespugli di piante dal profumo inebriante ognuna con una sua caratteristica particolare.
L’odore della camomilla e della lavanda rilassa, energetico e sferzante il profumo della salvia, e il mirto – non a caso arbusto sacro a Venere – ha forti poteri afrodisiaci. Questi sono i sentieri creati dall’uomo, ci sono poi sull’isola ben più vasti e fantasiosi percorsi la cui unica mano è quella di madre natura.

Sono tanti. Ma il percorso più energizzante è sicuramente quello che porta dal mare alla montagna o viceversa.

Pensate allo stimolo che l’organismo ottiene nel respirare l’aria di mare, così ricca di iodio e sali volubili, l’aroma delle alghe, nel contatto con il calore della sabbia. Recatevi in spiaggia di mattina presto, dopo una rinfrescante nuotata e dopo aver mangiato uno spuntino leggero, partite per una passeggiata montana.

Se è estate preferite le ore in cui il sole non è alto.

La vetta più alta dell’isola è l’Epomeo. Con i mezzi di linea pubblica o con la macchina raggiungete uno dei tanti sentieri che conducono al Monte. Il più semplice è da Fontana. Mentre salite fate delle pause e respirate a pieno polmoni l’alito verde della terra. Boschi di quercia, macchia mediterranea e ginestre accompagneranno il vostro cammino. Inalate questi profumi e una volta in cima accogliete in voi l’aria frizzante e ossigenante della montagna. Avete compiuto uno dei percorsi aromaterapici – ma anche cromoterapici – più ricchi del Mediterraneo.

E sono pochi i luoghi dove ciò è possibile con tanta semplicità. Ed ora – in cima all’Epomeo - potete continuare a prendervi cura del vostro benessere. Qui proprio in alto troverete un ottimo ristorante con cibi genuini, prodotti della terra ischitana, piatti di verdura o un buon coniglio alla cacciatora e tanta, tanta frutta. Una pausa gastronomica pienamente meritata.

Leggi anche:

  • Una vacanza al mare per combattere la cellulite

    Le vacanze al mare sono un’occasione d’oro per combattere gli effetti della cellulite. Camminando in acqua, facendo docce fredde e applicando sulla pelle impacchi a base di alghe possiamo infatti vincere questo inestetis..

  • Kneipp, la cura con l'acqua

    Sono due piscine sempre vicine, una più grande calda, l’altra piccolina molto fredda. Le troverete in tutti i parchi ed in molti centri termali dell’isola di Ischia. Seguite le istruzioni e immergetevi alternativamente p..

  • Alle terme di Ischia: benessere dalla testa ai piedi

    La parola d’ordine oggi in fatto di benessere è natura. Per questo le terme sono la prima frontiera per chi vuole prendersi cura di sé, con terapie e trattamenti estetici dal profilo assolutamente naturale. L’acqua calda..

  • Curare la psoriasi alle terme dell’isola di Ischia

    La psoriasi è una di quelle malattie che pur non essendo pericolosa per la salute di chi ne è colpito, ha un forte impatto sulla vita sociale creando in certi casi un vero e proprio handicap per l’impossibilità di condur..